Tra CSKA e Zenit vince la noia
Aggiunto | Autor Alberto Farinone | Commenti

Brutta partita tra le due squadre che hanno dominato il calcio russo negli ultimi anni: 0-0 inevitabile

Non ricomincia nel migliore dei modi la Russian Premier Liga per gli uomini di Lucescu, che - dopo la lunga sosta invernale - non sono andati oltre lo 0-0 nel big match contro i campioni in carica del CSKA. Due squadre evidentemente ancora imballate, alla ricerca della miglior condizione fisica e atletica, che oggi sono apparse con poche idee, in un incontro caratterizzato da errori tecnici, passaggi sbagliati e altre giocate da film horror. La prima frazione di gioco scorre senza sussulti, con una sola occasione, peraltro tragicomica, da segnalare, con Dzagoev che svirgola una conclusione al volo da un'ottima occasione. Nella ripresa i ritmi non si alzano, la qualità offerta dalle due squadre rimane insufficiente e la sfida non decolla (basti pensare che il primo tiro in porta dello Zenit arriva dopo un'ora abbondante di gioco, con Maurício che c'entra il palo dal limite). Una scossa alla gara la dà l'espulsione di Wernbloom, che si fa sventolare due cartellini gialli nel giro dei pochi minuti, ma lo Zenit non riesce a sfruttare la superiorità numerica, non andando oltre a due mezze palle gol capitate a Maurício e Dzyuba. Una prestazione da dimenticare, che rischia di essere pagata a caro prezzo se lo Spartak domani riuscisse a vincere a Krasnodar, allungando così in classifica sugli inseguitori.

Torna alla lista