Lo Zenit vince ma non convince
Aggiunto | Autor Alberto Farinone | Commenti

Secondo successo di fila per la squadra guidata da Lucescu, che si impone di misura a Orenburg, grazie a un rigore trasformato da Giuliano

Così come sabato scorso contro l'Ural, nella prima partita disputata dallo Zenit nel suo nuovo stadio, Danny e compagni hanno fatto più fatica del previsto per riuscire ad avere la meglio sugli avversari. La prestazione fornita in quel di Orenburg, infatti, non è stata tra le più brillanti. Soprattutto nella ripresa i padroni di casa hanno premuto sull'acceleratore e hanno sfiorato più volte quel pareggio che, forse, avrebbero anche meritato. La compagine di San Pietroburgo è riuscita a far sua la gara grazie a un penalty (un po' generoso) realizzato da Giuliano, al 17esimo centro stagionale. Ma, 3 punti a parte, non c'è molto altro da salvare nella trasferta infrasettimanale. Con Kokorin e Dzyuba assenti (entrambi squalificati, al pari di Criscito), sono partiti dall'inizio Shatov e Djordjevic, che tuttavia non hanno sfruttato nel migliore dei modi la chance concessa da loro dal mister rumeno. Appena 5 minuti per Alexander Kerzhakov, entrato nel finale così come Mollo.

Torna alla lista