Importante successo ottenuto a Samara
Aggiunto | Autor Alberto Farinone | Commenti

Grazie a una bella azione personale di Paredes lo Zenit ha superato il Krylya Sovetov

Nel primo dei due posticipi di questo freddo lunedì russo, lo Zenit si è imposto di misura a Samara: protagonista Leandro Paredes, autore dello splendido assolo che ha fissato il punteggio sullo 0-1. Il regista argentino prima ha intercettato il pallone a metà campo, poi è ripartito, ha chiesto un rapido uno-due a Dzyuba, ha controllato un pallone non semplice e, infine, ha incrociato con precisione. Un saggio della abilità tecniche e balistiche del centrocampista della nazionale argentina.

La partita è stata combattuta e molto fisica, con i padroni di casa che hanno rischiato prima di passare in vantaggio nei primi minuti con un colpo di testa di Tkachuk da posizione favorevole e poi di pareggiare nel secondo tempo con una conclusione di Kornilenko provvidenzialmente respinta da Neto. Ma la difesa dello Zenit ha retto, grazie anche al filtro del centrocampo (con Marchisio che è rimasto in campo per tutta la gara).

Curiosità: erano ben cinque gli ex Zenit schierati oggi dall'inizio dai padroni di casa (Bashkirov, Kanunnikov, Mollo, Tkachuk e Kornilenko; in panchina c'era anche Sheydaev). Nel finale, passerella per l'ex più importante dell'incontro, Alexander Anyukov, che ha festeggiato le 400 presenze con il club di Piter.

Torna alla lista