Tonfo dello Zenit a Tula
Aggiunto | Autor Alberto Farinone | Commenti

Gli uomini di Semak vengono sconfitti per 4-2. E il Krasnodar accorcia in classifica

Nel posticipo della sedicesima giornata l'Arsenal Tula, rivelatosi pericolosissimo in contropiede, punisce lo Zenit: la rapidità dei vari Kangwa, Mirzov, Bakaev e Tkachev costa cara agli uomini di Semak, che per due volte erano riusciti a rimontare lo svantaggio. Dopo il gol a freddo subito dopo 6 minuti, il club di Piter era infatti riuscito a pareggiare con Kuzyaev, ancora schierato come esterno a tutto campo in un 3-5-2, ben servito da Hernani (titolare per la terza gara consecutiva). E il nuovo vantaggio dei padroni di casa, firmato dall'inarrestabile Mirzov, era stato nuovamente annullato a inizio ripresa grazie al primo gol nel campionato russo dello stesso Hernani (su intelligente sponda di Driussi).

Per cercare di vincere la partita, lo Zenit si sbilancia, concedendo praterie agli avversari: Kangwa (autore di una doppietta: già l'anno scorso era stato il match-winner nella sfida giocata a San Pietroburgo) e Bakaev, delle autentiche saette quando lanciate in campo aperto, ne approfittano e fissano il punteggio sul 4-2. Il Krasnodar, spettatore interessato dell'incontro, grazie a questo risultato si avvicina pericolosamente in classifica, portandosi a -2.

Torna alla lista