Zenit corsaro a Ekaterinburg
Aggiunto | Autor Alberto Farinone | Commenti

Sugli Urali lo Zenit torna al successo in campionato: Ivanović, Ozdoev e Azmoun i marcatori

Dopo l'impegno europeo e prima della sosta per le nazionali, lo Zenit svolge bene il suo compito in quel di Ekaterinburg, archiviando la pratica Ural e tornando a San Pietroburgo con tre punti importanti per non perdere terreno dalla vetta. Una gara subito in discesa per la formazione ospite, ritrovatasi avanti dopo 3' grazie a una deviazione sotto porta di Ivanović sugli sviluppi di un calcio piazzato. Poco prima della mezz'ora, arriva il raddoppio, grazie a una bella e ripetuta combinazione nello stretto fra Ozdoev e Azmoun. Nella ripresa l'Ural rientra in campo con un piglio aggressivo e riapre subito la partita in seguito a una sfortunata autorete del grande ex Shatov. Ci pensa però Azmoun, lesto a sfruttare un'indecisione del portiere avversario, a chiudere definitivamente i giochi al 63'.

In questa partita Semak si è concesso un po' di turnover, schierando a sorpresa il secondo portiere Mikhail Kerzhakov e facendo partire dall'inizio, per la prima volta in campionato, i difensori Osorio (al debutto in RPL) e Mammana. Quest'ultimo, purtroppo, è stato costretto ad abbandonare il campo dopo soli 14 minuti: il timore, ci auguriamo infondato, è che lo sfortunato giocatore argentino abbia riportato una nuova rottura del crociato.

Torna alla lista