Ultimi minuti fatali contro la Juve
Aggiunto | Autor Alberto Farinone | Commenti

Un gol di Kulusevski a 5' dal termine stende lo Zenit

Dopo quella a Stamford Bridge nella prima giornata, è arrivata un'altra sconfitta beffarda, maturata nei minuti finali, per lo Zenit in Champions League. La squadra di Semak se l'è giocata alla pari con la Juventus e avrebbe meritato di strappare almeno un pareggio, ma la maggiore esperienza degli avversari alla fine ha fatto la differenza. All'85', infatti, il subentrato Dejan Kulusevski è stato pescato da un cross di De Sciglio tutto solo al centro dell'area e il suo colpo di testa prima ha sbattuto sul palo e poi è finito in rete. Un'unica disattenzione difensiva che, purtroppo, è costata cara alla nostra squadra, arrivata al termine di una sfida equilibrata. Il club di Piter, che ha giocato principalmente di rimessa, si era reso pericoloso soprattutto con delle conclusioni dal limite di Claudinho.


Da segnalare anche l'esordio stagionale nella competizione per Karavaev e Lovren, che avevano saltato le prime due partite per infortunio. Con il croato tornato a pieno regime, Semak ha confermato la difesa a tre, riportando però Barrios in mezzo al campo, a fianco di Wendel (con Kuzyaev inizialmente partito in panchina). Dzyuba ha invece vinto il ballottaggio con Azmoun per una maglia da titolare, benché a rendersi più pericoloso - una volta entrato in campo nella ripresa - sia stato l'iraniano.

Dopo tre giornate, lo Zenit è al terzo posto nel proprio girone, con 3 punti conquistati: complice anche il netto successo del Chelsea sul Malmö, la qualificazione appare molto difficile.

Torna alla lista