Lo Zenit scrive la storia: 7-1 allo Spartak
Aggiunto | Autor Alberto Farinone | Commenti

Doppietta per Azmoun e Mostovoy, a segno anche Claudinho, Dzyuba ed Erokhin

Una giornata storica, di quelle che i tifosi dello Zenit ricorderanno a lungo. Mai lo Spartak aveva subito una sconfitta di tali proporzioni in campionato: e il fatto che ad infliggergliela siano stati i rivali di sempre rende il tutto ancora più speciale.


Alla Gazprom Arena non c'è mai stata partita. L'inizio dei padroni di casa è stato arrembante e soltanto grazie a due salvataggi sulla linea nella stessa azione il vantaggio non è arrivato già nei primi minuti. Poco male, dal momento che al 19' - dopo una costante pressione offensiva - lo Zenit ha sbloccato lo stesso l'incontro: cross al bacio di Rakitskiy e scatto imperioso di Azmoun. Passano neanche 10 minuti e arriva il raddoppio: una perla d'autore firmata Claudinho, con uno splendido destro a giro che si insacca sotto il sette. Il tarantolato Azmoun risulta immarcabile e al 36', di nuovo di testa, fissa il punteggio sul 3-0. Poco prima dell'intervallo, trova il primo gol stagionale anche Andrey Mostovoy, con un contropiede personale da applausi.

Anche nella ripresa la musica non cambia: lo Spartak trova il gol della bandiera con Quincy Promes, ma lo Zenit ristabilisce subito le distanze, ancora con Mostovoy (partito titolare al posto dell'infortunato Malcom). É un massacro. A rendere ancora più leggendario il trionfo dello Zenit ci pensano i subentrati Dzyuba (su rigore) ed Erokhin. Finisce così con un umiliante 7-1, che rilancia con decisione le ambizioni da titolo dello Zenit, al comando della classifica con 3 punti di vantaggio sugli inseguitori.

Unico neo della serata, l'uscita dal campo per un problema muscolare di Douglas Santos, anche se Krugovoy è riuscito a non farlo rimpiangere.

Continuano a collezionare record i giocatori dello Zenit: con il rigore trasformato contro la sua ex squadra, Artem Dzyuba ha raggiunto Veretennikov in vetta alla classifica dei giocatori più prolifici nella storia della RPL, mentre invece i due gol siglati da Sardar Azmoun hanno permesso all'attaccante iraniano di diventare il miglior bomber straniero nella storia del campionato russo (85 reti, come il brasiliano Vágner Love).

Torna alla lista