Un rigore di Rakitskiy nel finale salva lo Zenit
Aggiunto | Autor Alberto Farinone | Commenti

Il pareggio con il Malmö manda il club di Piter in Europa League

Lo Zenit, nel 2022, ripartirà dagli ottavi di finale di Europa League: è questo il verdetto della penultima giornata del girone di Champions. La squadra di San Pietroburgo non è riuscita ad andare oltre il pareggio per 1-1 con il Malmö fanalino di coda. La formazione svedese, che nelle precedenti quattro uscite non aveva segnato neanche un gol, si è portata in vantaggio al 28' con il centrocampista danese Sören Rieks, punendo un approccio alla gara non ottimale da parte dello Zenit. Lo stesso Semak deve essersi accorto che qualcosa non stava funzionando nella squadra, come dimostrano i due cambi effettuati a inizio ripresa, con l'ingresso in campo di Erokhin e Mostovoy al posto di Lovren e Claudinho. Nella ripresa lo Zenit sfiora ripetutamente il pari, fallendo anche un calcio di rigore con Dzyuba (al quale viene poi annullato un gol per fuorigioco millimetrico). Nel finale, però, viene assegnato un altro penalty alla squadra russa, nel frattempo rimasta in inferiorità numerica per il rosso estratto a Chistyakov: questa volta, dal dischetto si presenta Rakitskiy, che non sbaglia. 1-1 e Zenit "retrocesso" in Europa League, competizione in cui mancava dalla stagione 2018-19.


Si conferma, purtroppo, il magro bilancio nelle trasferte europee dello Zenit: nelle ultime 18 partite giocate lontano dalla città degli Zar, non è arrivata neanche una vittoria (l'ultima risale al 3-1 inflitto in casa della Real Sociedad nel dicembre del 2017).

Torna alla lista