Lo Zenit ritrova i gol e i tre punti
Aggiunto | Autor Alberto Farinone | Commenti

Nel giorno in cui allo stadio Krestovskiy si celebravano i 10 anni dalla vittoria dello storico titolo del 2007, lo Zenit travolge il Tosno con un perentorio 5-0. Paredes la sblocca dal dischetto, Kuzyaev e Kokorin tornano a segnare, si sbloccano infine Ivanović e Dzyuba.

Atmosfera delle grandi occasioni a San Pietroburgo, dove si è sfruttata l'occasione per celebrare il campionato vinto dallo Zenit, allora guidato da Advocaat, nel novembre del 2007, esattamente 10 anni fa. Prima del fischio d'inizio, il pubblico dello stadio Krestovskiy ha potuto assistere a una bella cerimonia che ha coinvolto alcuni dei protagonisti di quell'importante successo, come Arshavin, Pogrebnyak, Tymoschuk, Radimov, Gorshkov, Šírl, Križanac, Čontofalský e Malafeev.

La festa è poi proseguita anche in campo, con lo Zenit che è tornato a vincere, travolgendo di reti gli avversari. Per sbloccare la contesa è servito un calcio di rigore, con Shatov colpito duro sulle caviglie da un ingenuo Dugalić: dal dischetto Paredes ha siglato il suo terzo gol in Russia. Nella ripresa la partita è rimasta in equilibrio fino al raddoppio di Kuzyaev, che ha finalizzato nel migliore dei modi una combinazione nello stretto con Shatov (tra i più attivi). Dopodiché, lo Zenit dilaga: Ivanović di testa, sugli sviluppi di un corner, chiude definitivamente la contesa, Kokorin - con una pregevole azione personale - fissa il punteggio sul 4-0. Nel finale c'è spazio anche per l'atteso primo gol nella RPL 2017-18 per Dzyuba, che finalmente si sblocca in campionato, con un comodo tap-in su assist di un generoso Kuzyaev. La squadra di Mancini torna così a vincere in Russian Premier League dopo quasi due mesi. 


Torna alla lista