Notte infuocata a San Pietroburgo: lo Zenit ribalta il risultato!
Aggiunto | Autor Alberto Farinone | Commenti

Azmoun trascina il club di Piter agli ottavi di finale di Europa League: Fenerbahçe sconfitto 3-1.

Al termine di una gara intensa, lo Zenit completa una rimonta mozzafiato, superando per 3-1 gli avversari. Mattatore assoluto dell'incontro Sardar Azmoun, autore di un assist e di due gol. Un debutto (dal primo minuto) da favola per il talento iraniano, che ha mandato in estasi il folto pubblico della Gazprom Arena.

Gli uomini guidati da Semak, nonostante le numerose assenze (soprattutto in mezzo al campo: erano indisponibili gli infortunati Kuzyaev, Erokhin, Marchisio, Noboa e Shatov), approcciano la gara nel miglior modo possibile, portandosi subito in vantaggio, grazie a una preziosa sponda di petto di Azmoun per l'inserimento senza palla di Ozdoev, bravo a concludere al volo. Dopo una pressione costante, lo Zenit trova la rete del raddoppio al 37' con un perfetto stacco in terzo tempo di Sardar Azmoun. La prima frazione di gioco dei padroni di casa viene però, in parte, rovinata dal missile terra-area partito dai piedi di Mehmet Topal, che riporta la qualificazione dalla parte del Fenerbahçe.

Nella ripresa, comprensibilmente, lo Zenit accusa la fatica e il lungo periodo di inattività. Il possesso palla dei turchi si fa sempre più frustrante. Le forze sembrano abbandonare Driussi e compagni. Ma la voglia di regalare una soddisfazione ai propri tifosi riesce a prevalere sulla stanchezza e così, a 15' dal termine, lo Zenit orchestra il contropiede perfetto, finalizzandolo ancora con lo scatenato Azmoun.

Una rimonta epica e una grandissima iniezione di fiducia per il proseguo della stagione.

Torna alla lista

Array