Goleada Zenit: 5-0 al Rubin
Aggiunto | Autor Alberto Farinone | Commenti

La squadra di Semak strapazza i malcapitati avversari. A segno capitan Ivanović, Sutormin (doppietta), Mak e Shatov.

Ci ha messo un po', esattamente 58 minuti, lo Zenit per sbloccare una partita che, fino a quel momento, sembrava stregata. Il primo tempo, letteralmente dominato, si era infatti ben presto trasformato in un autentico assedio, senza che tuttavia il risultato si schiodasse dallo 0-0. C'è voluto un colpo di testa di Branislav Ivanović, in anticipo su Dyupin in uscita, per sbloccare la partita e rendere tutto più facile ai padroni di casa. Da quel momento, infatti, la squadra di Semak ha dilagato. Grandi protagonisti i subentrati, come Alexey Sutormin, entrato in campo a inizio ripresa al posto di Driussi (che aveva ricevuto un colpo alla testa), che ha trovato i suoi primi due gol con lo Zenit; oppure Róbert Mak, al debutto stagionale, che prima sigla il poker e poi permette a Oleg Shatov di mettere il punto esclamativo sull'incontro. Ci sarebbe spazio, in realtà, anche per il 6-0 firmato da uno straripante Artem Dzyuba, annullato però dalla VAR per un fuorigioco del nazionale slovacco a inizio azione.

Al di là del risultato roboante, e del primato in classifica rafforzato dal tonfo del Rostov in quel di Tambov, oggi Sergey Semak torna a casa con parecchie indicazioni positive. Appaiono in ripresa i reduci da lunghi infortuni come Kuzyaev e Shatov e sono arrivate risposte importanti da seconde scelte come Sutormin e Mak. Menzione d'onore per Ozdoev, diventato ormai un elemento indispensabile per questa squadra.

Torna alla lista